Governance

Responsabilità che si intrecciano: ente pubblico e privato sociale insieme per rispondere al bisogno di protezione giuridica delle persone fragili. Ecco quel che muove l'azione degli attori coinvolti e la loro organizzazione.

La Rete di progetto, costituita dalle organizzazioni firmatarie, si impegna ad operare per sviluppare un'azione di infrastrutturazione sociale potenzialmente stabile e radicata sul territorio e dedicata la tema della protezione giuridica delle persone con fragilità agendo d'intesa con gli enti pubblici e privati competenti. Le associazioni mettono a disposizione persone, competenze e sedi per la buona riuscita del progetto, in una logica di collaborazione e diffusione di buone prassi.

Le microreti locali (associazioni, enti, gruppi, persone significative di riferimento negli 8 ambiti territoriali della provincia) sono lo strumento operativo che permette ad ogni territorio di vedere riconosciute le proprie caratteristiche e di sviluppare un proprio punto informativo che raccolga i bisogni inerenti il tema della protezione giuridica e ne dia risposta, in collegamento con il centro di competenze centrale in cui è impegnato il referente operativo e l'equipe multidisciplinare specialistica di progetto e con i servizi pubblici deputati.

Il Comitato di Pilotaggio, un gruppo ristretto di associazioni, con il compito di programmare le azioni, facilitare il coordinamento e il governo del progetto, favorire l'emersione dei bisogni, diffondere le informazioni, monitorare l'andamento delle azioni previste.

L'ente capofila, costituito da una associazione di secondo livello, come strumento di coordinamento e regia delle azioni progettuali. La Rete Comasca Disabilità rappresenterà l'intera Rete nei rapporti con le Istituzioni locali in materia di protezione Giuridica così da assolvere alla funzione di stimolo e promozione delle intese locali in un'ottica di sussidiarietà, oltre che essere referente attuativo nei confronti dei committenti. L'ente capofila coordinerà l'azione dei partner al fine della buona riuscita del progetto.

 

 

Iscrizione Newsletter